svapare in spiaggia, concessioni e divieti

Divieto sigarette: si può svapare in spiaggia?

Occhio al divieto sigarette nei luoghi di villeggiatura

Tempo di vacanze, di sole e di mare, di relax e pace.

Eppure, tra i tanti preparativi e le tante informazioni di cui i milioni di vacanzieri vanno a caccia, spesso dimenticano quelle relative al divieto sigarette.

Informazioni, quelle relative al divieto sigarette, per molti apparentemente trascurabili, ma che in realtà possono celare spiacevoli sorprese.

In numerose località balneari vige il divieto di fumare in spiaggia.

E, per chi viola le regole, le sanzioni possono essere davvero molto salate.

Vacanze rovinate?

Eh si, decisamente!

Vediamo un po’da dove trae origine questo divieto, le regole a riguardo e se il divieto sigarette riguarda anche le sigarette elettroniche.

 

Divieto sigarette in spiaggia

In altri paesi, vige già da diversi anni una regolamentazione in materia di fumo in spiaggia.

Così sulle coste di Gran Bretagna e States, come su molte spiagge francesi.

E in Italia?

Come siamo messi?

Nel bel paese la prima spiaggia rigorosamente “no smocking” è stata, già cinque anni fa, quella di Bibione, in provincia di Venezia.

Ma è a partire dal 2017 che hanno iniziato a diffondersi le “beach smoking free”.

Ma per quale motivo la battaglia per il divieto sigarette in spiaggia è tanto accesa?

… perdonate il giro di parole!

Per combattere i danni per la salute e per l’ambiente legati al fumo, le amministrazioni hanno introdotto via via divieti e sanzioni sempre più restrittivi, predisponendo la creazione di aree ad hoc per fumatori.

Ovviamente, per trarre beneficio concreto, la soluzione migliore per i fumatori e per coloro che stanno intorno, è quella di smettere di fumare una volta per tutte.

O passare alla sigaretta elettronica, che mette al riparo dai rischi, dalla puzza di fumo, dai mozziconi e dall’inquinamento.

Utilizzare la sigaretta elettronica, soprattutto con la grande varietà di aromi a presenti in commercio, non reca fastidio a coloro che sono intorno ai fumatori sul bagnasciuga.

Ma cosa dice la legge riguardo lo svapo in spiaggia e all’utilizzo di e-cig?

Particolare attenzione è riservata al cosiddetto fumo di terza mano, ovvero a quelli che sono i residui delle sigarette, come mozziconi e cenere.

È proprio la lotta al fumo di terza mano che sta portando molte amministrazioni comunali ad estendere il divieto di fumo anche alle spiagge.

Vediamo per quale motivo e in che modo il fumo può essere un elemento di disturbo in spiaggia.

Danni del fumo per la salute

È risaputo ormai quanto per la salute di tutti sia dannoso fumare sigarette o altri derivati del tabacco.

Oltre agli ormai noti danni ai polmoni e alle vie respiratorie, il fumo è tra le principali cause di malattie del cavo orale, dell’esofago, della faringe e della vescica.

Fa male alla pelle, produce denti gialli, riduce la fertilità, determina malattie alle ossa e cardiovascolari.

Ben noti sono anche i danni legati al fumo passivo, ovvero quello che è disperso nell’ambiente e viene inconsapevolmente e involontariamente respirato da chi si trova intorno a chi sta fumando.

Per non parlare poi, come accennato prima, del fumo di terza mano, ovvero dei danni legati ai residui della combustione, residui che si depositano sui vestiti dei fumatori e permangono negli ambienti in cui si fuma, ovvero quelli legati alla cenere e alle stesse sigarette spente.

Primi fra tutti i mozziconi di sigaretta, un vero problema per l’ambiente.

Dispersi in maniera sconsiderata, senza pensare agli effetti per la nostra salute e per l’ambiente

Un panorama non proprio edificante, soprattutto in un luogo di villeggiaura!

 

Si può svapare in spiaggia con la sigaretta elettronica?

Molti svapatori ci chiedono se è possibile svapare in spiaggia con l’e-cig.

La legge italiana non sempre distingue in maniera precisa tra sigarette e vaporizzatore, sebbene si tratti di due cose completamente diverse che non hanno nulla a che vedere tra loro.

Ma, come spesso succede, il legislatore è sempre più lento rispetto alle novità che arrivano dall’innovazione tecnologica.

Tuttavia, come regolarsi?

La risposta è semplice.

Dal momento in cui il divieto sigarette in spiaggia vige al fine di tutelare la salute dei vacanzieri e dell’ambiente, tale divieto, in buona sostanza, non interesserebbe le sigarette elettroniche.

Nella maggior parte delle ordinanze, infatti, è espresso in modo chiaro e preciso che “ai bagnanti è concesso di utilizzare soltanto la sigaretta elettronica”.

Per cui, buone vacanze a tutti!

No Responses

Write a response